Affrontare le sfide iniziali dell’EMDR. Dalla raccolta della storia sui traumi con la “t” e “T” alle fasi del protocollo: come integrare l’EMDR nella propria pratica clinica. – Verona – Hotel San Marco – Maria Zaccagnino – 07 novembre 2020 dalle ore 09.30 alle ore 16.30 (il corso si svolgerà in presenza)

Affrontare le sfide iniziali dell’EMDR. Dalla raccolta della storia sui traumi con la “t” e “T” alle fasi del protocollo: come integrare l’EMDR nella propria pratica clinica. – Verona – Hotel San Marco – Maria Zaccagnino – 07 novembre 2020 dalle ore 09.30 alle ore 16.30 (il corso si svolgerà in presenza)

2020-10-14T10:58:08+00:0029 Settembre 2020|Attività per i soci|
Data Luogo
07 novembre 2020
dalle ore 09.30 alle ore 16.30
Verona – Hotel San Marco
(in presenza)
ABSTRACT

Questo workshop si propone di rispondere alle più comuni difficoltà che il terapeuta incontra nell’apprendimento dell’utilizzo della terapia EMDR:
I pazienti con cui si lavora non sempre presentano i chiari sintomi di un PTSD e questo può spingere i clinici a pensare erroneamente di non poter agire efficacemente con la terapia EMDR. E’ importante comprendere, invece, che la sintomatologia manifestata dai pazienti spesso pone le sue basi in dinamiche relazionali disfunzionali avvenute a partire dai primi anni di vita, all’interno delle prime relazioni significative (traumi t). Per tale motivo risulta fondamentale indagare le dinamiche di attaccamento e quali le ferite che possono aver influenzato le traiettorie di sviluppo del paziente con cui si lavora.
E’ inoltre importante considerare che all’indomani della formazione EMDR di primo livello è normale che emergano dubbi e incertezze riguardo l’applicazione più corretta del protocollo. Per questo motivo è fondamentale che i colleghi appena formati in EMDR possano avere la possibilità di confrontarsi e di avere un consolidamento dell’apprendimento nell’utilizzo del protocollo in tutte le sue fasi.
Infine è necessario riflettere sul fatto che non sempre le difficoltà nell’applicazione dell’EMDR risiedono esclusivamente nella complessità del paziente ma anche nelle possibili difficoltà personali di ogni terapeuta. Tali dinamiche infatti possono impedire al terapeuta stesso di utilizzare al meglio questo approccio.
Alla luce di tali considerazioni, durante il workshop verranno forniti strumenti pratici per la raccolta e la comprensione della storia di vita del paziente sulla base della teoria dell’attaccamento. Verranno inoltre fornite le strategie di risoluzione più funzionali attraverso esemplificazioni cliniche di video, che aiuteranno i nuovi terapeuti EMDR ad aumentare la propria efficacia con tale approccio e consentiranno loro di utilizzarlo al meglio.

PROGRAMMA
  • 09.30-10.00 – L’utilizzo dell’EMDR dal PTSD ai traumi relazionali (traumi t): l’importanza  dell’attaccamento.
  • 10-00-11.00 – Il primo colloquio dalla prospettiva EMDR. Il primo passo verso l’alleanza.
  • 11.00-11.15 – Cofffee break
  • 11.15-13.00 – La raccolta della storia del paziente e la fase 1 del protocollo EMDR. Strumenti e strategie di indagine nella cornice della teoria dell’attaccamento. Esemplificazioni cliniche tramite video di sedute.
  • 13.00-14.00 – Pausa Pranzo
  • 14.00-16.30 – La gestione delle difficoltà nelle varie fasi del protocollo EMDR.
ISCRIZIONE

Affrontare le sfide iniziali dell’EMDR. Dalla raccolta della storia sui traumi con la “t” e “T” alle fasi del protocollo: come integrare l’EMDR nella propria pratica clinica. - Verona - Hotel San Marco - Maria Zaccagnino - 07 novembre 2020

  • ISCRIVI AL CORSO
  • OBBIETTIVI:

    Acquisire le conoscenze teorico – pratiche relative al modello terapeutico EMDR.
    Acquisire i contenuti tecnico – professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione.

  • Questi corsi sono gratutiti per i soci in regola con la quota associativa del 2020.

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare la navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie. Per approfondire Privacy e Cookie Policy Accetto