L’EMDR verso il futuro: la psicoterapia della Depressione mirata neurobilologicamente – Milano – Hotel Michelangelo – 16 – 17 settembre – Luca Ostacoli – COMPLETO

Data Luogo Iscrizione
16- 17 settembre 2017 Milano
Hotel Michelangelo
COMPLETO

La ricerca nelle “neuroscienze affettive” ha evidenziato sempre di più la stretta connessione tra cervello, cuore e corpo e il fatto che si possano comprendere solo nella loro interazione. La Teoria Polivagale di Porges è ampiamente utilizzata come modello funzionale dei sistemi simpatico, parasimpatico ed enterico, la sua efficacia può essere notevolmente migliorata integrandolo con nuovi modelli di elaborazione del sistema nervoso centrale e delle loro interazioni con le funzioni degli organi interni e con il sistema neuroendocrino. Sul piano diagnostico il modello che emerge offre allo psicoterapeuta una lettura funzionale che permette di inquadrare in modo più preciso le fasi di reazione agli eventi; sul piano terapeutico offre la possibilità di personalizzare sia la pianificazione strategica del trattamento sia la gestione in tempo reale dell’arousal nella seduta. Un particolare riferimento verrà fatto al modello di Richard Davidson: neuroscienziato di fama internazionale, ha identificato sei “Stili emozionali” su base neurobiologica che riflettono diversi livelli di attività in specifici circuiti cerebrali e che possono essere modulati attraverso pratiche psicologiche specifiche.
Le particolari caratteristiche dell’approccio EMDR permettono di integrare in modo naturale le potenzialità neurobiologiche verso un modello di psicoterapia integrata.
Gli obiettivi del seminario sono i seguenti:
– presentare il ruolo emergente emergente dell’EMDR nel trattamento della Depressione: studi pilota, il progetto EDEN e il protocollo DEPREND di Arne Hoffman.
– fornire allo psicoterapeuta le nozioni basilari di neurobiologia “applicata” per migliorare la valutazione e i trattamenti della depressione
– descrivere brevemente le terapie non farmacologiche della depressione e il ruolo fondamentale degli stili di vita (alimentazione, attività fisica, respiro, sonno, luce).
– presentare i principali Stili Emozionali su base neurobiologica e le tecniche per poterli modulare.
– presentare le caratteristiche del “campo relazionale” e le tecniche di “lavoro interno” che sostengono il processo terapeutico nella depressione.
La speranza è che, attraverso un approccio EMDR individualizzato al contempo profondamente relazionale e “mirato sulla neurobiologia”, un numero sempre maggiore di persone possa essere aiutata a vivere la loro vita.