Introduzione all’EMDR

21 Gennaio 2012 Fast – Centro Congressi Piazzale Morandi, 2 – 20121 Milano

Incontro con Isabel Fernandez e Massimo Ammaniti

Il tema dell’incontro

Il trauma, nelle sue varie forme, è oggi riconosciuto come uno degli elementi fondamentali nella genesi della psicopatologia. Esso provoca, a livello neurofisiologico, modificazioni metaboliche, neuroendocrine e autonomiche che mettono fuori uso il nostro sistema innato di elaborazione dell’informazione.

Secondo la metodologia terapeutica Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR), la patologia si crea proprio quando questo sistema innato si blocca e il ricordo dell’evento traumatico rimane isolato dal resto della rete neurale, con effetti di disorganizzazione e di dissociazione di aspetti della personalità dell’individuo e delle sue modalità relazionali.

L’obbiettivo dell’EMDR è di favorire l’integrazione dei vissuti psichici ed emotivi, riattivando, attraverso i movimenti oculari, quel lavoro di sinergia dei due emisferi celebrali in grado di elaborare e trasformare le percezioni, immagazzinate in modo disfunzionale, in una risoluzione adattiva che favorisca la salute psichica.

La dott.ssa Isabel Fernandez analizzerà il meccanismo della traumatizzazione, mostrando come il trauma alteri i naturali processi neurofisiologici. Illustrerà inoltre come, in queste situazioni cliniche, l’EMDR si sia dimostrato un metodo psicoterapeutico utile ed efficace nel riparare la traumatizzazione a livello neurofisiologico e nel favorire l’integrazione dei vissuti emotivi legati al trauma. Porterà infine alla nostra osservazione alcuni interventi condotti in situazioni di emergenza sui bambini e sui loro genitori.

Il dott. Ammaniti esplorerà l’impatto disorganizzante indotto dalla traumatizzazione sullo sviluppo del bambino e sui suoi modelli di attaccamento primario, mettendo in luce, attraverso un’esemplificazione clinica, come poter usare l’EMDR nella psicoterapia con bambini e con i loro genitori.

Nei casi clinici del pomeriggio verranno illustrate due psicoterapie psicoanalitiche durante le quali è stata usata anche la metodologia dell’EMDR. Queste esperienze cliniche potranno fornire ulteriori spunti di riflessione sulla possibilità e sull’importanza di integrare la tecnica psicoanalitica con i risultati provenienti dalle neuroscienze.

Scarica la locandina

Torna indietro